Ascolto attivo

ascolto1

L’ascolto “attivo” è alla base di una comprensione reciproca tra persone appartenenti a culture diverse. Ma anche nella stessa cultura, di fronte ad una situazione complessa in cui le dimensioni del problema e gli interessi sono interdipendenti, è fondamentale osservare la realtà in modo “polifonico”, vale a dire: ascoltare tutte le voci per arricchire la visione del problema e le strategie per affrontarlo.

Nella progettazione partecipata l’ascolto attivo è fondamentale, perché consente di adottare uno sguardo esplorativo, che aiuta a valorizzare la ricchezza dei punti di vista di tutti coloro che abitano un territorio o che hanno un interesse in un problema. L’ascolto attivo richiede di passare da un atteggiamento passivo (io ho ragione-tu hai torto) ad un atteggiamento attivo, in cui si accetta che tutti possano avere ragione.

L’ascolto attivo è la base di tutti gli strumenti di indagine partecipata, siano essi volti ad un territorio o alla comprensione di un problema. Le interviste in profondità, le interviste su base storia di vita, lo shadowing, le camminate di quartiere, e i pali d’ascolto sono gli strumenti di ascolto più utilizzati da Avventura Urbana.